1. KINTO Go

KINTO Go: Termini e Condizioni d'Uso

Termini e condizioni generali di contratto

Le presenti Condizioni Generali di Contratto ("Condizioni Generali") costituiscono un contratto tra te (il "Cliente") e KINTO Italia S.p.A. ("KINTO Italia"), titolare di diritti, titoli e interessi relativi all'applicazione KINTO Go. Esse forniscono i termini e le condizioni per l'utilizzo del servizio offerto dall'applicazione e, quindi, per il pagamento e l'utilizzo dei servizi forniti da KINTO Italia e dai suoi partner su KINTO Go (collettivamente denominati "Servizio" o "Servizi").

Inoltre, le presenti Condizioni Generali sono applicabili al Servizio accessibile tramite l'app KINTO Go, come descritto sul sito www.kinto-mobility.it/kinto-go, sulle pagine di Apple App Store  e Google Play Store nell'app stessa.

L'app KINTO Go è gestita e mantenuta per conto di KINTO Italia da myCicero S.r.l. ("myCicero") e Pluservice S.r.l. ("Pluservice") (congiuntamente "myCicero/Pluservice"), che forniscono anche il servizio e-wallet nell'app. L'accettazione delle seguenti Condizioni Generali di Contratto nonché dei diritti e degli obblighi che ne derivano è una condizione preliminare all'utilizzo del Servizio.

1. Registrazione e accesso al servizio

L'accesso al Servizio KINTO Go è possibile solo dopo la registrazione del Cliente alla piattaforma KINTO Italia ("KINTO Italia"), di proprietà di KINTO Italia e Toyota Financial Services Corporation (TFSC), attraverso l'app KINTO Go per smartphone iOS e Android. Dopo la registrazione a KINTO Italia, il Cliente sarà automaticamente autenticato e verificato attraverso la Piattaforma Global KINTO ID, di proprietà di TFSC, che fornirà un KINTO ID univoco. Il Cliente in possesso di un KINTO ID potrà accedere e utilizzare KINTO Go anche dall'estero. KINTO Italia congiuntamente a TFSC è responsabile della gestione del Servizio KINTO Go in Italia. Il Cliente riconosce che KINTO Italia si riserva il diritto di modificare unilateralmente il contenuto dell'applicazione KINTO Go, il sito https://www.kinto-mobility.it/kinto-go e, congiuntamente a TFSC, le modalità di registrazione a KINTO Italia. Maggiori informazioni sul processo di registrazione, su KINTO Italia e sulla Piattaforma Global KINTO ID sono disponibili nell'Informativa sulla Privacy di KINTO Go.

2. Account utente

Per pagare e utilizzare i servizi offerti da KINTO Go, il Cliente deve avere un account utente KINTO Italy ("Account"). A seguito della registrazione attraverso le modalità stabilite in queste Condizioni

Generali, il Cliente sarà responsabile di tutte le attività svolte attraverso l'Account. Per registrarsi a KINTO Italia, il Cliente dovrà fornire i dati personali, come specificato nell'Informativa sulla Privacy di KINTO Go. Il Cliente dovrà infine selezionare un metodo di pagamento, fornendo i dettagli necessari. È  responsabilità del Cliente verificare che la registrazione sia stata effettuata correttamente e aggiornare correttamente i dati e le informazioni memorizzate in KINTO Italia e nell'app KINTO Go. KINTO Italia declina ogni responsabilità per errori commessi dal Cliente durante la registrazione, indipendentemente dalla modalità di registrazione.

A seconda delle circostanze, lo stato dell'account del Cliente può essere classificato come segue:

Attivo: L'Account è attivato correttamente;

Sotto osservazione: la relazione contrattuale tra il Cliente e KINTO Italia è valida, ma il Cliente non può temporaneamente utilizzare il Servizio;

Chiuso: il rapporto contrattuale tra il Cliente e KINTO Italia è definitivamente chiuso.

3. E-Wallet

Per utilizzare il portafoglio elettronico di KINTO Go ("e-wallet"), il Cliente deve essere una persona fisica o una società/soggetto giuridico e deve aver completato correttamente la procedura di registrazione. A tal fine, il Cliente dichiara e garantisce di agire per proprio conto e non come rappresentante o agente di terzi. Nel caso in cui il Cliente utilizzi l'e-wallet, KINTO Italiapagherà i Servizi utilizzando il credito disponibile sull'e-wallet KINTO Go, che potrà essere addebitato con carta di credito o attraverso gli altri metodi di pagamento accettati da KINTO Go. Non esiste un limite di spesa giornaliero per l'e-wallet KINTO Go. Il Cliente registrato può caricare il credito con i seguenti importi: € 5, 10, 20, 50, 100, 200. Il Cliente riceverà una e-mail che riporta i dettagli della ricarica e il nuovo saldo disponibile.

3.1 Restituzione del credito e rimborsi

Il credito non utilizzato dell'e-wallet sarà restituito da KINTO Italia su esplicita richiesta del Cliente entro 7 giorni dalla data di ricarica e solo se non è stato utilizzato dal Cliente; la restituzione del credito ricaricato tramite PayPal prevede l'addebito di una tariffa fissa di € 0,35 quale commissione per la gestione della richiesta di rimborso. In tutti gli altri casi, il saldo viene restituito con una penale fissa di € 2,50. KINTO Italia si riserva il diritto di rifiutare una richiesta di rimborso (cosiddetto storno) per un articolo acquistato, se:

  1. il Cliente invia ripetute richieste di rimborso in un breve lasso di tempo;
  2. il Cliente non adempie agli obblighi derivanti dalle presenti Condizioni Generali;
  3. vi è il ragionevole sospetto che il Cliente utilizzi il Servizio in modo fraudolento o che l'Account sia utilizzato in modo fraudolento da terzi.

In quest'ultimo caso, KINTO Italia si riserva il diritto di comunicare tale comportamento alle autorità competenti. KINTO Italia accetta una richiesta di rimborso (c.d. storno) per l'articolo acquistato e non applica alcun costo/commissione extra, se l'errato acquisto non è causato dal Cliente; in tutti gli altri casi, il rimborso sarà oggetto di valutazione in collaborazione con il Fornitore del Servizio (ad esempio: società di trasporti, gestore di parcheggi).

In quest'ultimo caso, anche se la richiesta viene accettata, potrebbe essere applicata una commissione di storno di € 2,50. Si precisa che KINTO Italia per ogni operazione di rimborso, sia accettata che respinta, del credito ricaricato tramite PayPal prevede l'addebito di una tariffa fissa di € 0,35 quale commissione per la gestione della richiesta stessa.

Il rimborso dei costi di un biglietto Trenitalia sarà effettuato secondo le modalità, i termini e le condizioni stabilite, di volta in volta, da Trenitalia, disponibili sul sito www.trenitalia.com. Dove applicabile, sarà trattenuta una parte dell'importo pagato per il biglietto. La richiesta di rimborso dovrà essere presentata agli uffici di Trenitalia o a KINTO Italia. Si prega di notare che nel caso in cui la richiesta di rimborso di un biglietto Trenitalia venga accettata, KINTO Italia applicherà una tariffa fissa di 2,50 € quale commissione di storno per l'elaborazione della richiesta di rimborso. L'importo sarà rimborsato tramite bonifico bancario e secondo i tempi di accredito dell'istituto di credito.

Per quanto riguarda il pagamento dei servizi comunali, l'eventuale richiesta di rimborso deve essere inviata all'autorità pubblica. Tutte le richieste di cui sopra devono essere inviate al KINTO Italia attraverso una comunicazione formale a support.kinto-go@kinto-mobility.it   e deve essere chiaramente descritto il motivo per cui si richiede tale operazione. La richiesta sarà gestita secondo una specifica procedura interna volta a risolvere la questione nel più breve tempo possibile. Salvo che nei casi di cui sopra non venga data specifica indicazione circa le modalità di rimborso, questo avverrà attraverso le stesse modalità utilizzate in fase di acquisto.

3.2 Scadenza del credito

Il credito del Cliente deve essere utilizzato entro e non oltre 12 mesi dalla data dell'ultimo acquisto. Dopo 12 mesi, il Cliente non ha più diritto a chiedere il rimborso del credito residuo non utilizzato e non può  più utilizzarlo per pagare i Servizi.

4. Utilizzo del Servizio/Pagamento del servizio di parcheggio tramite KINTO Go

Con l'app, KINTO Italia offre al Cliente la possibilità di pagare la sosta in quelle aree/Città che sono vincolate da convenzione a myCicero/Pluservice. Per accedere al servizio di pagamento della sosta, il Cliente deve fornire almeno la targa dell'auto e il servizio può essere utilizzato solo nelle aree di parcheggio che sono elencate nell'app KINTO Go. In alcuni casi, il gestore del parcheggio o le autorità comunali competenti richiedono l'esposizione di un talloncino/biglietto sul cruscotto dell'auto, rendendolo un requisito obbligatorio per il parcheggio. Per attivare ogni utilizzo del Servizio, il Cliente può utilizzare l'app KINTO Go per smartphone. Per attivare la sessione di parcheggio il Cliente dovrà inserire un codice di zona valido e selezionare la targa dell'auto per la quale si vuole attivare la sessione di parcheggio. È responsabilità del Cliente identificare e inserire il codice di zona e la targa corretti. Se il Cliente accetta il codice di zona di parcheggio e la targa suggeriti da KINTO Go, la corrispondenza del codice e della targa suggeriti, rispettivamente al codice del parchimetro e all'auto collocata in quella zona, dovrà essere verificata dal Cliente. KINTO Italia declina ogni responsabilità per errori di inserimento dati. Quando il Cliente comunica - come sopra scritto - l'avvio della sessione di parcheggio, KINTO Go calcolerà l'importo dovuto per l'utilizzo del Servizio, comprensivo - senza limiti - delle tasse applicabili e degli eventuali costi del Servizio, come spiegato al par. 4.2. Si precisa che l'importo finale sarà determinato solo dopo il termine della sosta in base al tempo di sosta effettivo, alla tariffa richiesta dalla società per la specifica area di sosta e ai servizi opzionali a pagamento, attivati dal Cliente (vedi par. 3.2.). A differenza di quanto detto sopra, alcune voci di parcheggio (permessi di parcheggio a lungo termine) hanno un costo predeterminato, che sarà immediatamente addebitato (comprensivo delle tasse applicabili e degli eventuali costi di servizio). Il periodo di parcheggio si intende terminato in base a quanto precedentemente indicato dal Cliente ad ogni attivazione del Servizio, o - in caso di estensione della durata - in base a quanto indicato dal Cliente prima della fine originariamente indicata.

4.1 Adempimenti e obblighi del Cliente

Il Cliente si impegna a rispettare le regole definite da ciascun Comune o dai gestori dei parcheggi. Se l'Utente non è in grado di accedere ad uno dei servizi di pagamento KINTO Go, dovrà selezionare un'altra soluzione di pagamento. Tale obbligo permane anche in caso di malfunzionamento dello smartphone, di batteria scarica o nel caso in cui il disservizio sia imputabile al gestore telefonico. In ogni caso, è responsabilità del Cliente verificare e controllare la corretta attivazione della sessione di parcheggio. In particolare, per controllare la corretta attivazione della sessione di parcheggio, il Cliente dovrà verificare che l'operazione sia confermata sull'app KINTO Go o attraverso altri canali smartphone. è responsabilità del Cliente anche verificare che la sessione di parcheggio sia attivata per il veicolo corretto, inserendo la correttamente targa dell'auto parcheggiata. Se il Cliente non imposta in anticipo l'orario di fine parcheggio, KINTO Go terminerà automaticamente la sessione di parcheggio in corrispondenza del più vicino orario di fine tariffa. In ogni caso la sessione di parcheggio verrà chiusa automaticamente da KINTO Go, quando il credito di KINTO Go sarà pari a zero. è quindi responsabilità del Cliente verificare, in relazione al singolo Comune e/o alla società di concessione/gestione del parcheggio, le tariffe orarie e la disponibilità di credito nell'e-wallet. è responsabilità del Cliente terminare la sessione di parcheggio, secondo le modalità indicate per ogni canale disponibile. Il Cliente si impegna inoltre a manlevare e tenere indenne KINTO Italia da eventuali danni derivanti da controversie tra, rispettivamente, il Cliente e la società di gestione del parcheggio, le autorità comunali, gli istituti di credito o i fornitori di servizi di telefonia mobile, comprese le spese legali, derivanti da tali controversie nei confronti di KINTO Italia. Eventuali controversie tra il Cliente e le autorità di polizia competenti, in relazione al parcheggio (che comportano una sanzione amministrativa) dovranno essere gestite dal Cliente e dalle autorità competenti e/o dalla società di gestione del parcheggio, senza coinvolgere KINTO Italia, il cui compito sarà limitato a fornire le informazioni disponibili. è responsabilità del Cliente verificare che la carta di credito, registrata per usufruire del servizio, sia valida, non bloccata e che il relativo pagamento vada a buon fine. Se la richiesta di pagamento su tale carta di credito non va a buon fine, KINTO Italia avrà il diritto di esigere il pagamento direttamente al Cliente. è responsabilità del Cliente aggiornare i dati della carta di credito, nel caso in cui ne venga utilizzata una nuova.

4.2 Costi del servizio e costi opzionali

La registrazione al servizio è gratuita. In tutte le città, il cui servizio di parcheggio può essere pagato tramite KINTO Go, non ci sono costi extra per l'attivazione/disattivazione del parcheggio e le tariffe sono le stesse di quelle stabilite dal gestore del parcheggio per quella specifica area di parcheggio e orario, tranne nei casi in cui il gestore del parcheggio decida di addebitare al Cliente il costo del servizio. L'e-wallet KINTO Go non ha costi aggiuntivi per il Cliente, così come non ci sono costi aggiuntivi o commissioni per la ricarica del portafoglio elettronico tramite carta di credito o tramite gli altri mezzi di pagamento accettati da KINTO Italia, ad eccezione delle ricariche pagate attraverso la rete di Sisal Group S.p.A. che hanno costi aggiuntivi legati alle commissioni come da listini Sisal S.p.A.. Il Cliente pu  attivare servizi opzionali a pagamento, che saranno addebitati da KINTO Italia, come le notifiche via SMS di inizio/fine sosta o i costi per il pagamento contestuale con carta di credito e non con l'e-wallet KINTO Go, quando disponibili. Il Cliente è responsabile dell'attivazione di tali servizi opzionali, previa accettazione, prima dell'attivazione, di ciascun servizio o dei relativi costi. Per attivare questi servizi, il Cliente dovrà utilizzare l'app per Smartphone. Si prega di fare riferimento a quanto descritto nell'app per maggiori informazioni sui suddetti servizi opzionali e sui relativi costi. KINTO Italia si riserva il diritto di modificare i costi dei servizi opzionali in ogni momento. Se il Cliente non intende accettare le nuove condizioni, potrà richiedere la cancellazione dell'Account in conformità alle presenti Condizioni Generali; in caso contrario, le nuove condizioni saranno considerate accettate.

5. Prenotazione e acquisto di biglietti tramite KINTO Go

Con l'applicazione, KINTO Italia offre al Cliente la possibilità di acquistare i biglietti dei trasporti in quelle zone e/o per quelle aziende di trasporto che sono legate da un accordo a myCicero/Pluservice. Il Cliente può utilizzare il Servizio solo in quelle zone e per quelle aziende di trasporto che sono elencate nell'App KINTO Go. Per attivare ogni Servizio, il Cliente può utilizzare l'applicazione per smartphone. Per acquistare un biglietto, il Cliente dovrà selezionare l'azienda di trasporto e il biglietto di trasporto dall'applicazione per smartphone. è responsabilità del Cliente identificare e inserire il codice corretto corrispondente al biglietto di trasporto giusto. KINTO Italia declina ogni responsabilità legata all'acquisto di biglietti sbagliati o a qualsiasi altro errore relativo all'inserimento dei dati. Quando il Cliente comunica - come detto - l'avvenuto acquisto del biglietto, KINTO Go calcolerà l'importo dovuto per l'utilizzo del Servizio, comprensivo - senza limiti - delle tasse applicabili e dell'eventuale costo del Servizio, come spiegato al par. 5.2. L'importo sarà immediatamente addebitato e sarà determinato dal prezzo richiesto dall'azienda di trasporto, in funzione del tipo di biglietto acquistato e dei costi dei servizi opzionali, attivati dal Cliente (vedi par. 5.2.).

5.1 Adempimenti e obblighi del Cliente

La registrazione al Servizio è gratuita. Per tutte le compagnie di trasporto che offrono i loro biglietti attraverso KINTO Go, il prezzo del biglietto è determinato dalla compagnia di trasporto. Il prezzo del biglietto può  avere costi aggiuntivi, se stabilito per il metodo di pagamento scelto. Con l'e-wallet KINTO Go il Cliente non ha costi aggiuntivi, così come non ci sono costi aggiuntivi o commissioni per la ricarica dell'e-wallet con carta di credito o con gli altri metodi di pagamento accettati da KINTO Go, ad eccezione delle ricariche pagate attraverso la rete di Sisal Group S.p.A. che hanno costi aggiuntivi legati alle commissioni come da listini Sisal S.p.A.. Il Cliente può attivare ulteriori servizi opzionali che saranno addebitati da KINTO Go, come i costi di notifica di acquisto via SMS o i costi di utilizzo nel caso in cui il biglietto venga acquistato direttamente con carta di credito e non attraverso l'e-wallet di KINTO Go. Il Cliente è responsabile dell'attivazione di tali servizi opzionali, previa accettazione, prima dell'attivazione di ciascun servizio o delle relative spese. Per attivare tali servizi, il Cliente dovrà accedere all'area personale web tramite applicazione per smartphone. Si prega di fare riferimento a quanto descritto nell'applicazione per maggiori informazioni sui suddetti servizi opzionali e sui relativi costi. KINTO Italia  si riserva il diritto di modificare i costi e la disponibilità dei servizi opzionali in ogni momento. Se il Cliente non intende accettare le nuove condizioni, potrà richiedere la cancellazione dell'Account in conformità alle presenti Condizioni Generali; in caso contrario, le nuove condizioni saranno considerate accettate.

5.2 Costi del servizio e costi opzionali

L'iscrizione al servizio è gratuita. Per tutte le compagnie di trasporto che offrono i loro biglietti attraverso KINTO Go, il prezzo del biglietto è determinato dalla compagnia di trasporto. Il prezzo del biglietto può  avere costi aggiuntivi, se stabilito per il metodo di pagamento scelto. Con l'e-wallet KINTO Go il Cliente non ha costi aggiuntivi, così come non ci sono costi aggiuntivi o commissioni per la ricarica dell'e-wallet con carta di credito o con gli altri metodi di pagamento accettati da KINTO Go, ad eccezione delle ricariche pagate attraverso la rete di Sisal Group S.p.A. che hanno costi aggiuntivi legati alle commissioni come da listini Sisal S.p.A.. Il Cliente può  attivare ulteriori servizi opzionali che saranno addebitati da KINTO Go, come i costi di notifica di acquisto via SMS o i costi di utilizzo nel caso in cui il biglietto venga acquistato direttamente con carta di credito e non attraverso l'e-wallet di KINTO Go. Il Cliente è responsabile dell'attivazione di tali servizi opzionali, previa accettazione, prima dell'attivazione di ciascun servizio o delle relative spese. Per attivare tali servizi, il Cliente dovrà accedere all'area personale web tramite applicazione per smartphone. Si prega di fare riferimento a quanto descritto nell'applicazione per maggiori informazioni sui suddetti servizi opzionali e sui relativi costi. KINTO Italia  si riserva il diritto di modificare i costi e la disponibilità dei servizi opzionali in ogni momento. Se il Cliente non intende accettare le nuove condizioni, potrà richiedere la cancellazione dell'Account in conformità alle presenti Condizioni Generali; in caso contrario, le nuove condizioni saranno considerate accettate.

6.   Disposizioni generali

6.1  Resoconto delle transazioni

I dettagli delle singole transazioni effettuate dal Cliente sono disponibili in tempo reale sull'Applicazione per smartphone e nell'Account. Il Cliente può accedere all'estratto conto periodico in ogni momento; le informazioni relative alle transazioni saranno conservate nell'Account per almeno (12) mesi dalla data di ogni transazione.

6.2 Ricevuta di pagamento

Dopo l'acquisto verrà inviata via e-mail una conferma di pagamento che descrive i dettagli della transazione, eventuali costi di transazione sostenuti, il relativo regime IVA applicato e il saldo residuo.

Fatture e ricevute saranno inviate via e-mail solo per i servizi che lo richiedono. In particolare, la fattura non è obbligatoria per i biglietti di parcheggio e di viaggio (trasporto pubblico locale), in quanto fuori campo IVA ai sensi dell'Art. 74 DPR 633/72, punto e. In ogni caso, le fatture possono essere richieste a support.kinto-go@kintomobility.it

I clienti che hanno acquistato servizi opzionali nella loro area personale in KINTO Go riceveranno via e-mail alla fine del mese un documento di resoconto di tutte le transazioni effettuate in quel mese specifico.

6.3 Responsabilità della password personale

Nome utente e password saranno utilizzati per accedere all'Account. Il Cliente si impegna a mantenere la password personale, non scrivendola, per evitare che altre persone possano ottenerla e accedere all'account. Il Cliente dovrà informare immediatamente il Supporto Clienti di KINTO Go, nel caso in cui ci sia il sospetto che altre persone abbiano avuto accesso all'account o siano entrate in possesso della password.

6.4 Uso non autorizzato del Servizio

Il Cliente è responsabile di tutti gli usi autorizzati del Servizio. Per ridurre i danni, il Cliente si impegna a informare prontamente il nostro Supporto Clienti KINTO Go, nel caso in cui ci sia il sospetto che l'account sia stato utilizzato da una persona non autorizzata o in modo non autorizzato.

6.5 Reclami e indagini sulle operazioni di KINTO Go

Se un Cliente vuole presentare un reclamo, questo dovrà essere notificato al nostro Supporto Clienti KINTO Go entro e non oltre sessanta (60) giorni dalla data in cui i dettagli dell'operazione in questione sono stati pubblicati online nell'Account del Cliente. Nel reclamo il Cliente dovrà descrivere l'anomalia/problema in questione; in caso contrario, il reclamo non sarà considerato valido. Se il reclamo è presentato correttamente, KINTO Italia effettuerà un'indagine tecnica per verificare eventuali anomalie, a meno che KINTO Italia non ritenga ragionevolmente che vi siano motivi contrari al reclamo. L'indagine sarà effettuata tempestivamente. I reclami relativi a costi di parcheggio o di trasporto errati saranno gestiti dalle società responsabili o dalle autorità comunali, che hanno il diritto di esprimere un feedback finale sul reclamo. Se il reclamo viene accettato, KINTO Italia provvederà immediatamente a rimborsare, anche per conto delle società responsabili o delle autorità di parcheggio comunali, il Cliente con l'importo dovuto, che è stato erroneamente addebitato. Se il reclamo non viene accettato, KINTO Italia informerà il Cliente del risultato dell'indagine, spiegando la propria posizione e informando il Cliente della possibilità di contestarla. Tali informazioni saranno comunicate al Cliente tramite e-mail o servizio postale ordinario.

6.6  Modifiche del servizio o modifiche delle Condizioni generali

Le parti riconoscono che le soluzioni di pagamento mobile sono in costante evoluzione. Di conseguenza, il Cliente riconosce che KINTO Italia si riserva il diritto di modificare unilateralmente le presenti Condizioni Generali anche al fine di modificare il Servizio e/o l'implementazione di nuove tecnologie, nuovi dispositivi, procedure tecniche o amministrative o nuove pratiche di sicurezza informatica. Tali modifiche saranno comunicate al Cliente mediante pubblicazione sul sito kintomobility.it/kinto-go almeno trenta (30) giorni prima dell'effettiva implementazione al Cliente. Qualora il Cliente non intenda accettare la modifica delle Condizioni Generali, potrà chiedere la cancellazione dell'Account, entro i suddetti trenta (30) giorni, nel rispetto delle presenti Condizioni Generali; in caso contrario, le modifiche si considereranno accettate.

6.7 Risoluzione, obbligo di cancellazione dell'account e scioglimento

Il Cliente può chiudere il contratto facendo cancellare l'Account da KINTO Italia e, di conseguenza, da KINTO Go; tale risoluzione sarà valida il trentesimo (30) giorno successivo alla data di cancellazione. Inoltre, è responsabilità del Cliente chiedere la cancellazione dell'Account nel caso in cui il Cliente non intenda più utilizzare il servizio. KINTO Italia ha il diritto di risolvere il presente contratto con effetto immediato ai sensi dell'art. 1456 del Codice Civile, nei seguenti casi:

il Cliente non adempie agli obblighi di pagamento;

il Cliente utilizza il Servizio in violazione delle presenti Condizioni Generali; abbia un ragionevole motivo di pensare che si sia verificato un abuso del Servizio attraverso l'attuazione di procedure amministrative o tecniche per la sicurezza delle informazioni.

In caso di cessazione o scioglimento del contratto, per qualsiasi motivo, le presenti Condizioni Generali si applicheranno al rapporto tra le parti fino alla cessazione definitiva di tale rapporto.

6.8 Trattamento dei dati personali

TFSC e KINTO Italia si adopereranno per garantire che il trattamento dei dati personali, necessario per attuare il presente contratto, avvenga nel rispetto della legge italiana sulla protezione dei dati personali. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy, disponibile sul sito http://www.kintomobility.it/kinto-go o nell'applicazione.

Per ogni domanda o informazione relativa al trattamento dei dati personali, si prega di rivolgere le proprie richieste a KINTO Italia S.p.A., Via Kiiciro Toyoda, 2, 00148 Roma (RM), Tel: 06548981 E-mail: info.kinto-go@kinto-mobility.it, Posta Elettronica Certificata (PEC): kintoitalia@legalmail.it. Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti registrati a KINTO Italia e che accedono a KINTO Go si trovano nell'Informativa sulla privacy di KINTO Go.

6.9   Limitazione di responsabilità

Ad eccezione dei casi di dolo o colpa grave, KINTO Italia non è responsabile di perdite o danni se:

un'azienda o le autorità comunali non accettano KINTO Go come soluzione di pagamento; c'è un malfunzionamento della rete o un malfunzionamento delle relative operazioni; il fornitore di servizi telefonici ha cambiato i termini di utilizzo del servizio telefonico in modo che KINTO Go non possa essere utilizzato per i pagamenti;

l'utilizzo del Servizio sia stato interrotto per motivi che in seguito si sono rivelati irreali, ma che KINTO Italia - alla data dell'interruzione - considerava reali e fondati; il Cliente abbia inserito un codice di zona errato durante l'attivazione del Servizio, anche se tale codice è stato inserito manualmente o suggerito dall'applicazione in base alla posizione GPS.

KINTO Italia non è responsabile delle violazioni da parte del Cliente delle leggi e dei regolamenti applicabili (anche quelli stabiliti dal concessionario) in relazione al parcheggio dei veicoli. KINTO Italia non è responsabile dei danni o delle perdite causati da problemi non imputabili a KINTO Go, compresi provvedimenti dell'autorità amministrativa, sabotaggi, fallimenti o ritardi nelle consegne, malfunzionamenti di collegamenti telefonici o di altro genere, trasporti, scioperi, boicottaggi o altre situazioni non controllabili da KINTO Italia, compreso il caso in cui KINTO Italia  (o i suoi associati) siano soggetti a scioperi, boicottaggi o blocchi. In ogni caso, saranno esclusi i danni o le perdite indirette, o qualsiasi perdita di opportunità o di guadagno.

6.10 Legge applicabile e Foro esclusivamente competente

Il contratto tra KINTO Italia e il Cliente è regolato dalla legge italiana, in base alla quale saranno interpretate le presenti Condizioni Generali. L'Autorità Giudiziaria Italiana ha giurisdizione esclusiva e l'unico Foro competente è il Tribunale di Roma.

7. Altre disposizioni

7.1 Mancata rinuncia - Rimedi applicabili

Il mancato o ritardato esercizio di un diritto o di un rimedio suggerito dal presente contratto non sarà considerato una rinuncia a tale diritto o rimedio, o una rinuncia a qualsiasi altro diritto o rimedio, inoltre il solo o parziale esercizio di un diritto o di un rimedio secondo il contratto non impedirà il futuro esercizio di tale diritto o rimedio, o l'esercizio di qualsiasi altro diritto o rimedio. I diritti e i rimedi inclusi in questo contratto sono cumulativi e non escludono l'esercizio di altri diritti o rimedi secondo la legge.

7.2 Invalidità parziale

Se una qualsiasi disposizione del presente Contratto è ritenuta invalida, illegale o inefficace, la validità e l'efficacia delle altre disposizioni del Contratto non saranno influenzate.

7.3 Rapporto tra le parti

Nulla di quanto contenuto nel presente contratto potrà essere considerato come la creazione di un'associazione, di una partnership o di una joint venture di qualsiasi tipo o di un rapporto di mandante e agente o di datore di lavoro e dipendente tra le parti, in qualsiasi modo e per qualsiasi scopo e nessuna delle due parti avrà né l'autorità né il potere di vincolare l'altra, né di agire per conto di, né di creare alcun obbligo per conto dell'altra parte, in qualsiasi modo o per qualsiasi scopo. Nulla di quanto contenuto nel presente contratto concederà alcun diritto o beneficio a terzi, non coinvolti nel contratto.

7.4 Trasferimento del contratto

Il presente contratto, o i diritti che ne derivano, non possono essere trasferiti dal Cliente a terzi, senza l'autorizzazione scritta di KINTO Italia; nonostante quanto precedentemente indicato, KINTO Italia ha la facoltà di trasferire il presente contratto, o i diritti che ne derivano, alle sue società collegate, in ogni momento e senza doverlo comunicare al Cliente o senza avere l'accettazione del Cliente. Ai sensi degli art. 1341 e 1342 del Codice Civile il Cliente dichiara di aver letto e di accettare tutte le disposizioni del presente documento.

8. Dati aziendali e contatti

Denominazione sociale: KINTO Italia S.p.A
Sede legale: via Kiiciro Toyoda 2, 00148, Roma, RM
Numero di registrazione della società: Tribunale di Roma – 06/08/2019
C.C.I.A.A.T  RM1584815 Partita IVA: 15354911008- 06/08/2019
PEC: kintoitalia@legalmail.it
Servizio clienti KINTO Go: support.kinto-go@kinto-mobility.it